sweet sins.

Crescendo impari che il profumo del caffè al mattino è un piccolo rituale di felicità.

(FABIO VOLO)

Perché ci sono poche cose che hanno la capacità di resettare una giornata pessima, e una di queste è il cibo. Una relazione pericolosa, certo, che però ci aiuta a combattere lo stress e a volte a strapparci anche un sorriso. E’ ormai noto l’effetto positivo che certi alimenti hanno sul nostro umore – come il cioccolato ad esempio che stimola il rilascio di endorfine, una sorta di “ormoni della felicità” – e agiscono come analgesici inibendo la trasmissione del dolore al cervello. Un po’ inquietante, è invece la tesi che esista una correlazione tra cioccolato e dipendenza. Secondo una ricerca neozelandese infatti i dolci creerebbero una vera e propria dipendenza fisica, simile a quella da sigarette e altre droghe. Questo significherebbe non essere molto diversi dai tossicodipendenti? Un po’ eccessivo, penso. Certo è che io in primis sono un’inguaribile golosa e adoro i dolci. Non so se riuscirei ad affrontare molto serenamente un’intera giornata senza una tazza di caffé latte e una brioches! Questo fa di me una caffeinomane o addirittura una cioccolatomane? Forse. Ma forse dovremmo scendere un po’ tutti a un compromesso e concederci qualche soddisfazione ogni tanto. E magari assaporare piatti estranei alla nostra tradizione.

Dopo esser tornata dal mio primo viaggio oltre oceano mi sono resa conto di quanto le tradizioni vengano, nella stragrande maggioranza dei casi, stravolte e italianizzate barbaramente. Non è una leggenda metropolitana. Negli States non esiste solo cibo spazzatura – come i McDonald’s a cui siamo tanto abituati – e non è vero che si mangia bene solo in Italia. Naturalmente De gustibus non est disputandum. La famosa cheescake newyorkese per esempio da noi è una semplice torta alla robiola con un accento più americano. Senza nulla togliere alle prelibatezze culinarie della nostra tradizione, mi chiedo quanto sia corretta questa operazione di makeover. Una torta alla robiola rimane pur sempre una torta alla robiola! Fortunatamente si è mosso qualcosa anche da noi per quanto riguarda il panorama dolciario internazionale. Debuttano le prime bakery anche in Italia e l’approccio con il nuovo anche reinterpretato, insieme all’uso di spezie estranee al nostro palato, accolgono consensi sempre maggiori e apprezzamenti da un pubblico variopinto, sdoganando finalmente un tabù. Si sta diffondendo un’arte pasticcera rivolta non solo ai più tradizionalisti, ma anche all’Italia cosmopolita, caratterizzata da un’altissima cura per il dettaglio e passione per le novità – tant’è che in alcuni casi si parla di cake designer e di creazioni ad arte. Vorrei consigliarvi alcune bakery italiane che mi hanno incuriosita, non solo per la cura e l’attenzione al dettaglio in ogni piccola creazione, ma anche per la straordinaria varietà dei prodotti, molti rielaborati con un tocco made in italy:

Le cupcakes di Melissa Bakery, torte nuziali, wedding cakes, torte matrimonio, dolci compleanno, dolci americani, cup cake, cupcake, biscotti bio naturali, pasticceria americana, sarzana, la spezia, italiaCamilla Rossi Torte & co.

L’unica pecca è legata all’impossibilità, per ora, di farsi spedire comodamente a casa un ordine di dolci. La spedizione infatti non solo dall’estero, ma anche da un’altra città italiana, è vivamente sconsigliabile perché si tratta di prodotti freschi e, merito anche del nostro servizio postale o dei fermi in Dogana (se si sceglie la spedizione da un Paese non-EU), si rischia di trovare un’amara sorpresa oltre che pagare un prezzo troppo alto. Quindi non resta che attendere fiduciosi l’apertura di una vera bakery vicino casa. Purtroppo a volte nelle piccole città ci si trova di fronte a un punto-di-non-ritorno e a dei vecchi pregiudizi per cui tutto ciò che è nuovo viene inglobato in un gran buco nero prima di poter essere sperimentato.

Ora aspetto elettrizzata l’apertura di una bakery nel pieno centro storico della mia città, immaginando già cosa gustare.. tra cheescake, double chocolate cake, pancake, muffin e cupcake, le famose donuts, i macaron e cookies americani o la Red Velvet. Una vera delizia per il palato!

Growing up you learn that the smell of coffee in the morning is a little ritual of happiness.

Because there are few things that have the ability to reset a bad day, and one of these is food. A dangerous relationship, of course, but it helps us fight stress and sometimes tear a smile. It is now known the positive effect that certain foods have on our mood – like chocolate for example that stimulates the release of endorphins, a kind of “happiness hormones” – and act as analgesics by inhibiting the transmission of pain signals to the brain. A bit disturbing is the thesis that there is a correlation between chocolate and dependency. According to research from New Zealand indeed sweets would create a real physical dependence, similar to that of cigarettes and other drugs. This would not be very different from drug addicts? A bit excessive, I think. Certain is that I primarily have an incurable love and delicious desserts. I don’t know if I could very calmly to face a day without a cup of coffee milk and a croissant! This makes me a caffeinomane or even a cioccolatomane? Maybe. But maybe we should get a bit all a compromise and grant us some satisfaction every time. And maybe enjoy meals outside our tradition. After I returned from my first overseas trip, I realized that traditions are, in most cases, distorted and italianised barbarously. It is not an urban legend. In the States there is not just junk food – like McDonald’s that we are so used to – and it is not true that the food is good only in Italy. Of course De gustibus non est disputandum. The famous New York Cheescake, for example, from us is a simple cake Robiola with a more American accent. Without taking anything away from the culinary delights of our tradition, I wonder how correct this makeover. A cake to Robiola remains still a Robiola pie! Fortunately moved something from us regarding the international scene confectionery. Debut the first bakery in Italy and also reinterpreted with the new approach, together with the use of spices beyond our palate, welcoming more and more acclaim and praise from audiences colorful, cleared last taboo. Confectioner’s art is spreading not only to the traditionalists, but also cosmopolitan Italy, characterized by very high attention to detail and passion for the news – so much so that in some cases it comes to cake designers andcreations to art. I would recommend some Italian bakery that intrigued me, not only for the care and attention to detail in every little creation, but also for the extraordinary variety of products, many reworked with a feel made ​​in Italy: Cupacake Melissa Bakery _ Camilla Rossi Torte &Co. _ Kevin&Victory’s Bakery. The only flaw is due to the impossibility, for now, to be send at home an order of sweet. The delivery not only abroad but also from another Italian city, it is strongly not discouraged because it is fresh produce, including our postal service on or stuck in Customs (if you choose the shipment from a country not -EU), you will probably find a bitter surprise as well as paying too high a price. So do not just have to wait confidently for the opening of a real bakery near his home. Unfortunately, sometimes in small towns you are faced with a point-of-no-return of the old prejudices and so everything is new is incorporated in a large black hole before it can be experienced. Now look thrilled to open a bakery in the historic center of my city, imagining what to try .. between Cheescake, double chocolate cake, pancakes, muffins and cupcakes, the famous donuts, macaroons and cookies Americans or Red Velvet. A real treat for the palate!

S.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...