Follia.. a piccole dosi. I ♥ NY

I want to wake up, in a city that never sleeps

New York New York, Frank Sinatra.

O la ami o la odi. Non c’è una via di mezzo, o è bianco o è nero. Bisogna visitarla e assaporarla per poter capire l’anima di questa metropoli, che davvero non dorme mai. Lo splendore dello skyline di New York non è eguagliato da nessun altro luogo. Abituata a una piccola città, dove il sabato sera si possono sentire gli echi dei propri passi in pieno centro cittadino, essere catapultata in una realtà totalmente aliena dal ritmo frenetico è stata un’esperienza indimenticabile. La Grande Mela riesce sempre a stupirti, ogni angolo ha un sapore diverso, i quartieri sono caratteristici ed è palpabile la sensazione di sentirsi veramente al centro del mondo, che per riuscire a comprenderla appieno bisognerebbe prendersi almeno almeno un paio di settimane. Devo ammettere che nel mio caso si trattava anche del primo viaggio “serio” all’estero e l’ho bramata dal primo giorno in agenzia. E’ una metropoli cosmopolita, in cui mi sono sentita stranamente a casa – nonostante in effetti fossi dall’altra parte del mondo – e la cordialità dei newyorkesi è stata davvero sorprendente. La nostra fortuna, inglobati nell’euro, è quella di approfittare di un cambio favorevole rispetto al dollaro e, se c’è una città dove lo shopping manda avanti l’economia è proprio New York! c’è di tutto e per tutte le tasche, dalla hi-tecnology all’abbigliamento, fino alle bakery a noi sconosciute.
Trovarsi a Manhattan o a Soho senza andare da Victoria’s Secret, Marc Jacobs, Anna Sui, Tarina Tarantino, Tiffany o ignorare Magnolia Bakery non è concesso! Queste sono delle tappe “obbligate”, da pianificare in base ai propri interessi e al proprio tempo certo, ma decisamente da non trascurare in un itinerario ad hoc.



Un discorso a parte meriterebbe l’itinerario culturale, dai musei e monumenti a Broadway, tappa fondamentale per chiunque, anche per il visitatore più disincantato. Un consiglio, se vi capita di visitare questa splendida città partite preparati, una buona guida e un’itinerario anche solo abbozzato vi saranno vitali, soprattutto se avete a disposizione pochi giorni. Non è necessario affrontare una tabella di marcia inflessibile, ma è importante saper scegliere cosa visitare e quando, perché arrivati a destinazione sarete fagocitati dall’intera città, dalle sue attrazioni e innumerevoli volti, perché come si sa a New York si ha l’impressione che le cose avvengano più velocemente che altrove. Una valido aiuto può essere il New York pass (o NY city pass) – il pass turistico, una sorta di biglietto unico della durata variabile, da 1 a 9 giorni, che offre l’entrata a diverse attrazioni della città, utile soprattutto se si vuole risparmiare tempo d’attesa nelle biglietterie e denaro. Da non dimenticare di mettere in valigia almeno un paio di sneakers comode, perché non c’è cosa migliore che camminare a Manhattan, nel cuore pulsante della città, godendo degli scorci mozzafiato, tra grattacieli e strade che molti film l’hanno resa famosa. Se poi, proprio non desistete dal brivido di salire nell’auto gialla più famosa della City, allora vi farà piacere sapere che da quest’anno alcuni taxi newyorkesi si sono dotati di iPad e iPod, per coccolare maggiormente i propri clienti! L’importante è vivere la città e anche i suoi sapori, perché a dispetto di quanto si dica, le specialità culinarie sono sorprendentemente squisite e perlomeno da provare una volta nella vita! Quindi non fatevi ingannare dal pensiero comune che racchiude tutta la gastronomia americana nell’etichetta di Junk food – cibo-spazzatura – perché sono diversi i posti dove potete assaporare un po’ di america-sana. E poi, è consentito uno strappo alla dieta, almeno in vacanza… come resistere alle cupcake, donuts e cheesecake, all’hot dog preso al volo dai baracchini ai lati delle strade, senza dimenticare il caffè d’asporto da Starbucks (che sembra un po’ troppo allungato) e i mac ‘n’ cheese – i famosi maccheroni al formaggio cheddar – o le numerose varianti di hamburger con patatine fritte?


I want to wake up, in a city that never sleeps

New York New York, Frank Sinatra.

You either like it or hate it. There is no middle way, or is it white or black. We must visit it and taste it to understand the soul of this city that really never sleeps. The splendorof the skyline of New York is not equaled by any other place. Accustomed to a small town, where the Saturday night you can hear the echoes of their steps in the town center, to be thrown into a reality totally alien from the fast pace was an unforgettable experience. The Big Apple always manages to surprise, every corner has a different flavor, the districts are characteristic and is a palpable feeling of being truly at thecenter of the world, that in order to fully understand it should take at least a couple of weeks. I must admit that in my case it was also the first trip “serious” abroad and Iyearned for the first day at the agency. It’s a cosmopolitan metropolis, where I feltstrangely at home – though in fact I was halfway around the world – and the friendlinessof New Yorkers was really surprising. Our luck, incorporated into the euro, is to take advantage of a favorable exchange rate against the dollar and, if there is a city where shopping sends the economy forward is just New York! There is something for all budgets, from hi-technology to clothing, to the bakery unknown to us.
Being in Manhattan or Soho without going from Victoria’s Secret, Marc Jacobs, AnnaSui, Tarina Tarantino, Tiffany or ignore Magnolia Bakery is not allowed! These stagesare “obliged” to plan according to their interests and their time course, but definitely not to be overlooked in an ad hoc route. A separate discussion deserve the cultural route, the museums and monuments on Broadway, an essential step for anyone, even the most disenchanted visitor. A tip, if you happen to visit this beautiful city games prepared, a good guide and a trail just sketched will be vital, especially if you’ve got a few days. You do not need to face a tough schedule, but it is important to choose what to visit and when, why you arrived at your destination engulfed the entire city, its attractions and countless faces, because as you know in New York gets the impression things happen faster than elsewhere. A valuable aid may be the New York pass (or NY city pass) – the tourist pass, one of a kind of business last from 1 to 9 days, offering entry to various attractions of the city, especially useful if you want to save time waiting at the ticket and money. Do not forget to pack at least one pair of comfortable sneakers because there is nothing better than walking in Manhattan, in the heart of the city, enjoying the breathtaking views of skyscrapers and roads that many movies have made it famous. If then, just do not turn away from the thrill of climbing in the car most famous yellow of the City, then you’ll be pleased to know that this year some New York taxis are equipped with iPad, iPod, more to pamper their customers! The important thing is to experience the city and also its flavor, because despite what anyone says, the cuisine is delicious and surprisingly at least to try once in a lifetime! So do not be fooled by the common thought that encloses all the food label of American junk food – junk food – because they are different places where you can taste a bit of American-healthy. And then, allowed an exception to the diet, at least on holiday … how to resist the cupcakes, donuts and cheesecake, the hot dog jumped at the roadside stalls, not to mention the take-away coffee from Starbucks (which seems a bit ‘too long) and mac’ n ‘cheese – the famous macaroni and cheddar cheese – or the many variations of burgers and fries?

S.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...